Servizi 2019-01-04T01:18:20+00:00

Attraverso un percorso cognitivo zooantropologico relazionale insieme, il nostro obiettivo è sostenere la relazione tra cane e umano ampliando le predisposizioni-capacità sociali, comunicative, relazionali e attitudinali di entrambi. Lo scopo è realizzare un gruppo affiliativo agendo sul cane per relazionarsi al compagno umano e per integrarsi nella società e si agisce sul partner umano affinchè impari a relazionarsi e integrarsi con il cane. La relazione uomo-cane è un momento d’incontro in cui entrambi si confrontano e imparano a capirsi e pertanto pone sempre attenzione alla soggettività e al contesto in cui vive l’intero gruppo-famiglia.
Non adottiamo metodi coercitivi di nessun tipo e per nessun motivo.
I nostri percorsi sono svolti con un approccio che rispetta totalmente il benessere psicofisico del pet, affiancando i proprietari per instaurare una relazione solida ed equilibrata con i loro cani. Da noi non troverete educatori e istruttori che usano collari a strozzo, collari a semi-strangolo che vi insegnerebbero ad avere una relazione basata sull’inibizione, perchè nessuno ha bisogno di un “cane robot” e impaurito da un proprietario coercitivo. Bensì imparerete ad avere una comunicazione corretta con i vostri cani, a capire i loro bisogni e le loro aspettative attraverso attività piacevoli per entrambi; i vostri cani impareranno ad autocontrollarsi (non a essere controllati) e a rasserenarsi anche quando nel quotidiano possono essere messi in scacco, in modo da avere un rapporto di migliore convivenza e stabilire una relazione basata sulla fiducia e rispettando i tempi del singolo individuo. Insieme affronteremo il percorso adatto a ogni famiglia (cane-compagno umano). Educare in base alle attitudini dell’individuo, attraverso giochi (tira e molla, riporto, attivazione mentale etc.) e attività (di fiuto, percorsi ad ostacoli come la mobility dog, disc-dog, treibbal, clicker training…)  che appagano il cane, rispettando i suoi tempi ed eventuali timori si raggiunge sintonia.

Daniela Puiatti